Scimmia Nuda od Essere Felice e Realizzato: Il Metodo Scientifico Applicato alla Condizione Umana - Vol. III

Scimmia Nuda od Essere Felice e Realizzato: Il Metodo Scientifico Applicato alla Condizione Umana - Vol. III

by Giano Rocca

NOOK Book(eBook)

$1.99

Available on Compatible NOOK Devices and the free NOOK Apps.
WANT A NOOK?  Explore Now
LEND ME® See Details

Overview

La realtà contemporanea ci dimostra, ogni giorno, con ogni evento, sia di tipo storico oppure naturale, l’inadeguatezza degli strumenti conoscitivi ed operativi, non solo a risolvere i problemi che tale realtà ci prospetta, ma anche a conoscerne la logica e la direzione dell’evoluzione in atto. L’antropocentrismo (che induce a ritenere gli esseri umani, se non singolarmente, almeno collettivamente, tramite gli “uomini che fanno la storia”, artefici della realtà storica, e persino dell’evoluzione climatica) non è una ideologia defunta, ma viva e vitale, sempre più presuntuosa ed inutilmente dannosa! L’incapacità dei popoli e dei governanti, a comprendere la logica della realtà, le sue tendenze evolutive, e quali siano gli strumenti per adattarvisi e per “governarla”, almeno per non farsene travolgere insensatamente, è sotto gli occhi di tutti quelli che abbiano un minimo di capacità riflessiva!
I lettori si chiederanno come sarà possibile convincere che questa teoria sia valida, non solo i governanti e gli statisti (che si ritengono, nella migliore dell’ipotesi, sostanzialmente, niente meno che: “Dio in Terra”), ma anche gli intellettuali, accademici o meno, così come i giornalisti (che si considerano espressione del “quinto potere”, se svolgono coscienziosamente il loro compito di informare, oppure espressione di un contro-potere [di cui, spesso, essi stessi ignorano la logica e la natura] se schierati, con faziosità, contro il potere legittimo e democraticamente costituito, a prescindere dalle scelte che compia o voglia compiere); essi sono “la fonte” su cui gli storici basano la ricostruzione di ciò che, gli storici stessi, ritengono: gli eventi storici. Non è a costoro che ci rivolgiamo, né vogliamo convincerli della validità della nostra teoria, consapevoli, come siamo, che finché venga recepito un progetto alternativo di organizzazione sociale, da una collettività, pur minuscola, che consenta di considerare superato l’attuale livello di civilizzazione, sarebbe controproducente delegittimare la realtà dell’attuale condizione umana, per quanto penalizzante ed inadatta la si possa ritenere.
La conoscenza della effettiva condizione umana è la premessa prioritaria ed indispensabile per progettare e costruire un nuovo modello di società, capace di rappresentare un nuovo, più elevato, livello di civilizzazione.
In questo volume si sono analizzati gli elementi che ingabbiano gli esseri umani in una schiavitù asfissiante, che abbiamo definito elementi di irrazionalità. Tali elementi non derivano esclusivamente dalla realtà della società storica, in cui siamo inseriti involontariamente, ma sono interiorizzati nel carattere di ogni individuo e, addirittura, connessi alla natura umana. Tale condizione rende gli esseri umani non dissimili da “scimmie nude”, essendo, noi esseri umani, del tutto inconsapevoli e, sostanzialmente, irresponsabili, degli eventi storici, che ci riguardano e ci coinvolgono profondamente.

Product Details

BN ID: 2940154395653
Publisher: Giano Rocca
Publication date: 05/30/2017
Sold by: Smashwords
Format: NOOK Book
File size: 353 KB

About the Author

Giano Rocca nacque in un paesino delle Langhe denominato Roccaverano, da genitori di umili origini. Compiuti gli studi della scuola primaria si trasferì a Torino, dove frequentò la scuola secondaria e l'Università, dove frequentò la Facoltà di Lettere e Filosofia.Fu allievo del filosofo della politica Norberto Bobbio. Frequentò le istituzioni scolastiche sostenendosi col proprio lavoro, alle dipendenze della grande industria locale, allora denominata "FIAT". I suoi interessi sono sintetizzabili nello studio delle "scienze sociali" ed "umane", sebbene si sia reso conto ben presto del fatto che la conoscenza in questi settori non avesse ancora raggiunto l'episteme di scienza.Fu determinato, primariamente, a realizzare un'analisi della storia in grado di compensare le lacune e le contraddizioni delle concezioni allora correnti, ed in particolare dell'analisi marxista, la cui presunta "scientificità" venne falsificata dalle rivoluzioni anti-comuniste, verificatesi nell'Unione Sovietica e nei Pesi del Socialismo Reale, specie nell'Europa dell'Est. Il saggio pubblicato ha lo scopo di fornire una visione complessiva della condizione umana, con particolare attenzione alla realtà storica delle società statuali, analizzandole nella loro complessità strutturale e nella loro dinamica storica, per individuare il possibile sbocco della stessa evoluzione umana. Egli elaborò il concetto di gradi di civilizzazione, individuando nelle società chiuse o feudali il quinto grado di civilizzazione, mentre nelle società aperte o mercantili individuò il sesto grado di civilizzazione. Il sesto grado di civilizzazione non appare però né irreversibile né automaticamente foriero di un'ulteriore progresso, il quale progresso può venire solo da una metamorfosi o palingenesi della condizione umana, che scardini i presupposti stessi delle società organico-stratificate, di cui le società statuali, nel loro complesso, non sono che gli esempi più evoluti. Per compiere tale palingenesi non sono adatti né la "lotta di classe" né le rivoluzioni sociali e politiche. Occorre ripensare, in profondità, le cause del costituirsi della realtà strutturale storica ed, individuati i rimedi, applicarli agli individui ed alle loro relazioni inter-personali, premessa per superare il conflitto tra individualità e socialità, definito dai filosofi il grande "problema sociale". Occorre porre le basi per la creazione di una socialità coerente con la natura più autentica degli individui, esaltando e non sacrificando la loro individualizzazione.

Customer Reviews

Most Helpful Customer Reviews

See All Customer Reviews