Uno, nessuno e centomila

Uno, nessuno e centomila

by Luigi Pirandello

NOOK Book(eBook)

$1.99
View All Available Formats & Editions

Available on Compatible NOOK Devices and the free NOOK Apps.
WANT A NOOK?  Explore Now
LEND ME® See Details

Overview

Uno, nessuno e centomila (1926) fu definito da Pirandello "romanzo testamentario". Si tratta infatti del suo ultimo romanzo e segna il culmine della riflessione sulla disgregazione del soggetto iniziata con Il fu Mattia Pascal (1904). Attraverso la tragedia di Vitangelo Moscarda – che scopre di essere estraneo a se stesso, "costruito" dagli altri a modo loro, molteplice quante sono le situazioni in cui si trova – Pirandello costruisce una delle rappresentazioni più efficaci dell'assurdità dell'uomo moderno, e delinea la sua filosofia. Alla base della sua visione del mondo, come mostra il filosofo Remo Bodei, c'è la sfiducia che l'uomo possa accrescere la sua coscienza in modo positivo attraverso la messa in luce e il superamento delle contraddizioni."Leggere o rileggere Pirandello non offre indubbiamente alcuna soluzione diretta alle nostre domande. È anzi probabile che ne moltiplichi il numero. Ma anche per questo i classici sono tali: dislocando e articolando i nostri pensieri e i nostri sentimenti, ci aiutano ad aprire meglio il ventaglio dei possibili e a immaginare allegoricamente quali percorsi verso la realtà essi potrebbero prendere senza esaurirsi in essa." (dall'Introduzione di Remo Bodei)

Product Details

ISBN-13: 9788866610632
Publisher: Scrivere
Publication date: 12/29/2011
Sold by: StreetLib SRL
Format: NOOK Book
File size: 662 KB

About the Author

LUIGI PIRANDELLO nasce nel 1867 nei pressi di Girgenti, in Sicilia, figlio di un ricco possidente e commerciante di zolfo. Nonostante lo scontento paterno, che lo vorrebbe a capo della miniera di zolfo di famiglia, Luigi riesce a proseguire gli studi umanistici iscrivendosi al ginnasio e dopo all'Università di Palermo, ma insoddisfatto dell'Università palermitana e poi romana, nel 1889 si trasferisce in Germania all'Università di Bonn. Qui rimane per due anni fino al 1891, ottenendo la laurea in Filologia Romanza. Nel 1892 ritorna a Roma e si dedica alla letteratura, sempre grazie alle rendite della miniera di zolfo del padre, iniziando a scrivere le sue prime opere, tra cui ricordiamo il primo romanzo "L'Esclusa" del 1983. Nel 1897 diventa professore presso l'Istituto Superiore di Magistero di Roma. Nel 1903, le notti passate insonni vicino alla moglie malata lo portano a scrivere l'opera che lo farà diventare famoso, "Il Fu Mattia Pascal." Seguono altre opere e nuove collaborazioni come nel 1909 con il "Corriere della Sera" su cui scriverà fino al 1936. Nel 1919 Luigi è obbligato a mettere in clinica la moglie, luogo in cui ella, purtroppo, rimarrà fino alla fine dei suoi giorni. Il 1922 per Pirandello è l'anno della fama, decide di lasciare l'insegnamento; le sue opere teatrali vengono rappresentate, ormai, nei maggiori teatri sia in Italia che in Europa, e Pirandello ha la fortuna di scritturare e conoscere una giovanissima prima attrice per il suo teatro romano, Marta Abba. Scrive per lei quasi tutte le parti femminili delle sue opere, e intrattiene con lei un intenso rapporto epistolare, tanto da scatenare le gelosie di figli e collaboratori. Nel 1925 inizia a pubblicare a puntate "Uno, nessuno e centomila," romanzo che era già stato iniziato nel 1909, ma che ancora non era stato pubblicato. Nel 1929 viene nominato Accademico d'Italia e decide di lasciare la casa editrice Treves per passare a Mondadori, con cui rimarrà fino alla fine della sua carriera letteraria. Il suo ingegno lo porta a continuare la pubblicazione costante di opere teatrali e romanzi e a meritare nel 1934 il premio Nobel per la letteratura. Muore nel 1936.
SILVIA LICCIARDELLO MILLEPIED è una scrittrice, traduttrice e imprenditrice italiana residente a Parigi. In passato si è distinta come cantautrice: ha partecipato al Festival di Castrocaro e vinto il Lennon Festival per la canzone inedita "Diversa." Dopo alcuni anni di studio al DAMS Musica di Bologna, si è laureata in Cinema al DASS della Sapienza di Roma. Ha inoltre frequentato un corso online di Letteratura Mondiale all'Università di Harvard, tenuto da David Damrosch e Martin Puchner, e diversi corsi di Business Management, Economia e Finanza, del MIT, della Columbia University e dell'IIMB. Nel 2014 ha fondato a Milano la RSMediaItalia e ha lavorato come editor e copywriter per più di novanta libri, inclusi tre libri per bambini e la rivista "Astrid Magazine." Considerata un piccolo prodigio, scrisse, diresse e recitò la sua prima commedia "Gli dei," quando aveva solo undici anni, ma già scriveva canzoni, storie e brevi favole; la sua prima canzone venne registrata dalla madre quando Silvia aveva solo sei anni. Nel gennaio 2019, ha fondato a Parigi la Res Stupenda, inaugurata ufficialmente il 25 novembre 2019, un nuovo marchio editoriale che integra tutte le conoscenze del passato e si sviluppa sul mercato internazionale. Nel biennio 2014-15 ha pubblicato cinquantadue libri. Nel 2019 ha pubblicato otto libri di cui la traduzione di "Sylvie. Ricordi del Valois" di Gérard de Nerval.

Table of Contents

Introduzione
Nota Biografica
Bibliografia
Libro Primo
Libro Secondo
Libro Terzo
Libro Quarto
Libro Quinto
Libro Sesto
Libro Settimo
Libro Ottavo
Colophon
 

Customer Reviews